logo
  • 00

    giorni

  • :
  • 00

    ore

  • :
  • 00

    min

  • :
  • 00

    sec




La storia del carnevale
(fonte Wikipedia)



Il carnevale è una festa che si celebra nei paesi di tradizione cristiana (soprattutto in quelli di tradizione cattolica).

I festeggiamenti si svolgono spesso in pubbliche parate in cui dominano elementi giocosi e fantasiosi; in particolare, l'elemento distintivo e caratterizzante del carnevale è l'uso del mascheramento. Benché facente parte della tradizione cristiana, i caratteri della celebrazione carnevalesca hanno origini in festività ben più antiche, come ad esempio le dionisiache greche o i saturnali romani, che erano espressione del bisogno di un temporaneo scioglimento dagli obblighi sociali e dalle gerarchie per lasciar posto al rovesciamento dell'ordine, allo scherzo ed anche alla dissolutezza.

Da un punto storico e religioso il carnevale rappresentò, dunque, un periodo di festa ma soprattutto di rinnovamento, seppur per lo più simbolico, durante il quale il caos sostituiva l'ordine costituito, che però una volta esaurito il periodo festivo, riemergeva nuovo o rinnovato e garantito per un ciclo valido fino all'inizio del carnevale seguente. Il ciclo preso in considerazione, è in pratica, quello dell'anno solare. Il carnevale si inquadra quindi in un ciclico dinamismo di significato mitico: è la circolazione degli spiriti tra cielo, terra e inferi.

Il Carnevale riconduce ai temi metafisici che riguardano l'uomo e il suo destino. In primavera, quando la terra comincia a manifestare la propria energia, il Carnevale segna un passaggio aperto tra gli inferi e la terra abitata dai vivi. Le anime , per non diventare pericolose, devono essere onorate e per questo si prestano loro dei corpi provvisori:

esse sono le maschere che hanno quindi un significato apotropaico ( dal greco αποτρέπειν, apotrépein = "allontanare" ). Anche Arlecchino e i mamuthones sardi hanno una chiara origine infera).
Queste forze soprannaturali creano un nuovo regno della fecondità della Terra e giungono a fraternizzare allegramente tra i viventi. Alla fine il tempo e l'ordine del cosmo, sconvolti nella tradizione carnevalesca, vengono ricostituiti con un rituale comprendente la lettura di un "testamento" e il " funerale " del carnevale il quale spesso comporta la bruciatura del " Re carnevale" rappresentato da un fantoccio. Tale cerimonia avviene in molte località italiane, europee ed extraeuropee.

Nel XV e XVI secolo, a Firenze i Medici organizzavano grandi mascherate su carri chiamate "trionfi" e accompagnate da canti carnascialeschi, cioè canzoni a ballo di cui anche Lorenzo il Magnifico fu autore. Celebre è il Trionfo di Bacco e Arianna scritto proprio da Lorenzo il Magnifico.

Nella Roma del governo papalino si svolgevano invece la corsa dei barberi (cavalli da corsa) e la "gara dei moccoletti" accesi che i partecipanti cercavano di spegnersi reciprocamente.

" La parola carnevale deriva dal latino "carnem levare" ("eliminare la carne") poiché anticamente indicava il banchetto che si teneva l'ultimo giorno di carnevale (martedì grasso), subito prima del periodo di astinenza e digiuno della Quaresima."

 
sfoglia il libro
  SFOGLIA IL LIBRO o Scaricalo qui


Il carnevale negli anni
ANNO CARNEVALE AMBROSIANO
 
2000 07 MARZO 11 MARZO
2001 27 FEBBRAIO 03 MARZO
2002 12 FEBBRAIO 16 FEBBRAIO
2003 04 MARZO 08 MARZO
2004 24 FEBBRAIO 28 FEBBRAIO
2005 08 FEBBRAIO 12 MARZO
2006 28 FEBBRAIO 04 MARZO
2007 20 FEBBRAIO 24 FEBBRAIO
2008 05 MARZO 05 FEBBARIO
2009 24 FEBBRAIO 28 FEBBRAIO
2010 16 FEBBRAIO 20 FEBBRAIO
2011 08 MARZO 12 MARZO
2012 21 FEBBRAIO 25 FEBBRAIO
2013 12 FEBBRAIO 16 FEBBRAIO
2014 04 MARZO 08 MARZO
2015 17 FEBBRAIO 21 FEBBRAIO
2016
09 FEBBRAIO
13 FEBBRAIO
2017 28 FEBBRAIO 04 MARZO
2018 13 FEBBRAIO 17 FEBBRAIO
2019 05 MARZO 09 MARZO
2020 25 FEBBRAIO 01 MARZO

© Piuma D'Oro - tutti i diritti riservati Privacy Cookie Seguici anche su: